INPS: a Magnare sono sempre i Soliti Noti

Andando ad analizzare alcuni appalti Inps mi sono imbattuto in uno di quelli “milionari”.

Per la “modica” cifra di 170 milioni di euro riguardande la “Fornitura dei servizi di sviluppo, reingegnerizzazione e manutenzione del software applicativo dell’INPS, suddivisa in 7 lotti”.

Chi si sarà mai spartita questa succulenta torta?

Una domanda retorica con una risposta scontata: I SOLITI NOTI.

Il dettaglio di aggiudicazione è stato inviato sotto il tumultuoso periodo delle elezioni, più precisamente il 5 Marzo 2013, cosicchè solo alcuni ne hanno parlato e hanno fatto uscire la notizia.

Ho depositato qualche giorno fa una interrogazione a risposta scritta per far luce su quanto accaduto e porre l’attenzione su questi bandi di gara milionari che vengono sistematicamente vinti sempre dai soliti noti.

170 milioni di euro, una bella torta mangiata dagli stessi personaggi ormai noti…

Il Crollo dei CoCoPro

Leggendo un articolo sul “Sole 24 Ore” riguardante il tema dei Contratti di Collaborazione, scritto da Fracesca Barbieri, si evince che negli ultimi anni c’è stato un importante crollo dei contratti di collaborazione.

Il dato appare ancora più negativo se restringiamo l’obiettivo sui giovani collaboratori sotto i 30 anni.

Il “dubbio” sorge spontaneo: “Il crollo di questa tipologia contrattuale ha portato i lavoratori a contratti più stabili oppure sono semplicemente scomparsi posti di lavoro?”.

La risposta appare quasi scontata ma vediamo che ci dice il nostro caro Ministro.

In data 16 ottobre 2013 ho depositato una interrogazione per chiedere spiegazioni in merito.

Interrogazione a risposta in commissione 5-01221

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. – per sapere – premesso che:

L’incoerenza Regna Sovrana

Questa mattina leggendo “il sole 24 ore” per dare una prima occhiata alle novità che arriveranno in ambito lavorativo con la legge di stabilità mi sono imbattuto in un articolo a me familiare: “Restituzione completa del «contributo Aspi» se il contratto da tempo determinato passa a tempo indeterminato”.

In pratica con questa norma si restituisce all’azienda che converte un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, il 100% dell’Aspi.

Mi trova perfettamente d’accordo.

Sapete perchè? Perchè questa proposta era stata da me portata avanti con un emendamento durante lo studio e la votazione del Decreto Legge 76/2013 cosiddetto “Lavoro”.

Tra i vari emendamenti da me proposti, l’emendamento in questione era il seguente:

“Al comma 5, alla lettera b), sostituire la parola: cinquanta con la seguente: cento.”

Quindi anche il mio emendamento restituiva il 100% dell’Aspi alle aziende che trasformano un contratto a tempo determinato con uno a tempo indeterminato, invece del 50% come è attualmente con l’approvazione del decreto cosiddetto “Lavoro”.

Link Emendamento 7.16

In aula abbiamo votato l’emendamento e guardacaso “la camera respinge”.

Ma va…beata coerenza!

Incontro con il Ministro Giovannini

Questa mattina, mente in aula votavamo gli emendamenti sul DL contro il Femminicidio, ho avuto un incontro col Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Enrico Giovannini insieme ad altri due deputati, Daniele Pesco e Matteo Mantero, e la senatrice Nunzia Catalfo del M5S.

Abbiamo parlato di Reddito di Cittadinanza, delle misure che il Governo adotterà facendo alcuni confronti con la proposta di legge che verrà depositata tra pochi giorni dal M5S.

La proposta del Governo, che si chiamerà SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva), sarà inclusa nella legge di Stabilità che rimanderà ad un decreto ministeriale. Partirà nel 2015 e la platea che ne beneficerà si allargherà sempre di più (anche se speriamo che la platea dei destinatari, cioè gli individui che vivono sotto la soglia di povertà assoluta, sia sempre più bassa).

Situazione C.I.L. Livorno – Interrogazione in Commissione

Su segnalazione degli attivisti del Movimento 5 Stelle di Livorno abbiamo predisposto una interrogazione parlamentare in Commissione per chiarire e puntare i riflettori sulla questione:  Ceramic Insulators Livorno S.R.L. (C.I.L.) – Livorno.

Ringrazio i ragazzi di Livorno per il lavoro svolto e invito tutti i gruppi di attivisti a svolgere questo tipo di attività.

Vi segnalo una guida (mini-tutorial) per la predisposizione delle Interrogazioni Parlamentari.

In questo modo si facilita il mio compito e quello di tutti gli altri portavoce nel portare le istanze dei cittadini dentro al palazzo: guida interrogazioni parlamentari.

Il testo dell’Interrogazione:

Parlamentare per un giorno

Tempo fa mi è venuta in mente un’idea: “Parlamentare per un giorno”.

Perché non organizzare un giorno in cui un attivista del M5S passa un’intera giornata gomito a gomito con un portavoce alla Camera dei Deputati o al Senato per vedere da vicino come si svolgono i lavori parlamentari?

Lo scopo è quello di far toccare con mano, far entrare i cittadini e rendere trasparente il nostro lavoro: il parlamentare per un giorno potrà stare con me nelle riunioni con gli altri portavoce per decidere la linea politica sui prossimi step di commissione, potrà seguire i lavori di aula dalla tribuna degli ospiti, potrà seguire tutto tranne i lavori di commissione, dove l’accesso è riservato agli “addetti ai lavori”.