Retribuzioni Dirigenti INPS dove siete?

Dovete sapere che la normativa vigente impone alle pubbliche amministrazioni e agli Enti quali INPS di pubblicare in maniera chiara sul proprio sito istituzionale alcune informazioni in merito ai propri dirigenti quali il curriculum vitae e i compensi che vengono corrisposti a qualsiasi titolo.

Se andiamo a vedere sul sito istituzionale di INPS alla sezione «Amministrazione trasparente» –› «Personale» –› «Dati Retributivi Dirigenti»: https://www.inps.it/portale/default.aspx?iMenu=1&iNodo=9071 potete vedere come la normativa sia del tutto non rispettata e siano state pubblicate semplicemente delle tabelle sintetiche e generiche.

Sarà mica perchè non vogliono farci vedere i reali compensi di alcune figure dirigenziali all’interno di INPS??

Ho depositato in merito una interrogazione a risposta in commissione dove chiedo al Ministro:
se i Ministri interrogati, per quanto di propria competenza, ritengano che i dati pubblicati da Inps, in merito ai dati retributivi dei dirigenti, siano rispettosi della normativa contenuta all’articolo 15, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33;

Il tabù delle pensioni

Durante questo tour elettorale per le europee, amministrative ed infine per i ballottaggi ho girato molto, ho parlato con molte persone, ho fatto agorà pubbliche tutti i fine settimana (come di consueto, ma in questo periodo più del solito).
Un argomento che suscita rabbia, preoccupazione e curiosità è sicuramente quello delle pensioni. Ecco alcuni punti di vista ed aggiornamenti sulle proposte della Commissione Lavoro del Movimento 5 Stelle.

Sulla Manovra Fornero (non riforma come viene chiamata comunemente, perché una riforma tende a migliorare) il M5S è sempre stato molto chiaro: va assolutamente abrogata!
Abbiamo già una proposta di legge che la abroga con relative coperture finanziare pari a circa 20 miliardi di euro. E’ impensabile che una persona debba andare in pensione a 67 anni. E’ chiaro che l’intento è aumentare sempre di più l’età pensionabile per permettere sempre a meno persone di arrivare alla pensione. La pensione è un diritto sacrosanto che non va toccato.