Caro Ministro ti scrivo…

“Caro Ministro,

ti scrivo queste poche righe da cittadino.

Ti scrivo queste poche righe per dirti che è tempo di muovere il culo.

E’ tempo di darsi una mossa: o cominci a risolvere i problemi del Lavoro seriamente o è meglio che lasci fare ad altri dicendo con trasparenza a tutti i cittadini che fino ad oggi avete scherzato, vi siete divertiti, ma non siete in grado di far nulla per il mondo del lavoro.

Non è più tempo di sterili risposte: faremo, vogliamo fare, il paese sta reagendo bene, ci sarà una ripresa…

Quando?

La gente non può più aspettare, o si fa ADESSO o sarà troppo tardi.”

delocalizzazioni aziendali

Qualche giorno fa ho depositato una Interrogazione Parlamentare sull’ennesimo caso di una grande azienda, l’Electrolux, che ha in mente una riorganizzazione aziendale e come sempre sarà a discapito dei lavoratori italiani.

Nell’aria c’è odore di dismissioni di alcuni rami aziendali e perdita di posti lavoro.

Ministro le rinnovo l’invito: muova il culo e vediamo insieme di risolvere queste situazioni.

il testo dell’Interrogazione presentata (4-02433)

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dello sviluppo economico.

— Per sapere – premesso che:
la multinazionale svedese Electrolux è un’azienda leader mondiale nel settore dell’elettrodomestico e delle apparecchiature per uso professionale;
la Electrolux ha dichiarato di voler ridefinire il proprio assetto produttivo, prevedendo delocalizzazioni verso Polonia e Ungheria di una notevole parte della sua produzione che attualmente si svolge nei quattro stabilimenti italiani: Susegana (Treviso), Porcia (Pordenone), Forlì e Solaro (Milano);
secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore in data 25 Ottobre 2013, Electrolux comunica di aver messo sotto osservazione le fabbriche italiane, facendo presagire una riduzione di circa duecento posti di lavoro italiani senza poter escludere l’ipotesi di chiusure degli stabilimenti stessi;
la produzione di frigoriferi di nuova generazione «Cairo 3» sarà realizzata a Jàszberèny (Ungheria), la lavorazione di lavatrici della categoria «Prometeo» sarà realizzato a Olawa (Polonia), la produzione di lavastoviglie da 45 cm sarà realizzata a Zarow (Polonia);
il gruppo svedese Elecrolux sta valutando di avviare alcune indagini interne al fine di definire la competitività dei singoli stabilimenti, l’andamento delle varie produzioni, il trend dei volumi prodotti e venduti e altresì dei prezzi e delle spese;
fonti sindacali commentano i suddetti annunci di investigazione rilevando una volontà da parte di Electrolux di chiudere definitivamente le produzioni italiane –:
se i Ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti suddetti;
se i Ministri interrogati, per quanto di propria competenza, intendano convocare urgentemente tutti i soggetti interessati per una analisi sulle vicende suddette e per individuare possibili interventi volti a salvaguardare i livelli occupazionali dei soggetti interessati;
se i Ministri interrogati, per quanto di propria competenza, intendano individuare strategie di politica industriale volte al rilancio delle produzioni suddette.
(4-02433)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment