Qualche giorno fa ho depositato presso il Sindacato Ispettivo una interrogazione a risposta scritta per avere delucidazioni sulla procedura che viene effettuata da INPS per il Calcolo delle Pensioni, in quanto appaiono criticità in merito alla Normativa attuale e alcune circolari INPS.

Interrogazione Risposta Scritta Circolare INPS Pensioni

Adesso aspettiamo una risposta in merito…rimanete aggiornati.

TESTO INTERROGAZIONE:

Interrogazione a risposta scritta 4-00887 presentato da

BALDASSARRE Marco

BALDASSARRE, BECHIS, CIPRINI, COMINARDI, RIZZETTO, ROSTELLATO e TRIPIEDI.

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. —

Per sapere – premesso che:
all’articolo 24 della legge n. 214 del 2011 si afferma che a far data 1° gennaio 2012 tutte le pensioni saranno agganciate esclusivamente ai contributi versati (sistema contributivo);
nella circolare INPS n. 35/2012 viene esemplificato che i lavoratori che avevano maturato 18 anni di anzianità contributiva alla data 31 dicembre 1995 rientreranno in un sistema di calcolo misto, retributivo fino al 31 dicembre 2011 e contributivo pro rata a far data 1° gennaio 2012;
la prima «quota», calcolata con sistema retributivo, viene determinata con le modalità previste dagli articoli 7 e 13 del decreto legislativo n. 503 del 1992, la seconda «quota» è determinata con il sistema contributivo pro rata per il periodo che intercorre tra il 1o gennaio 2012 e la data di pensionamento;
l’interpretazione data dalla circolare INPS n. 35/2012 apparirebbe restrittiva rispetto alle disposizioni effettivamente dettate dall’articolo 24 della legge n. 214 del 2011;
l’interpretazione data da INPS e INPDAP in fase applicativa del calcolo pensionistico, sembra prendere in considerazione l’ultima retribuzione percepita all’atto del pensionamento anche se successivo all’entrata in vigore della riforma, 1o gennaio 2012;
secondo interpretazioni diverse da quelle offerte da INPS, che provengono da più parti tra gli operatori del settore, il calcolo non dovrebbe essere effettuato sull’ultima retribuzione percepita all’atto del pensionamento, bensì su quella percepita al 31 dicembre 2011

–:
se il Ministro interrogato non ritenga opportuno porre la propria attenzione, per quanto di competenza, sulla problematica sopra descritta, al fine di verificare l’esattezza interpretativa data dalla circolare stessa.

Link Interrogazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment