Startup Innovative…ce la facciamo? Chi lo sa.

A volte qualcosa si muove in avanti, altre volte indietro, ma nessuno sa bene di chi è la colpa.

Startup Innovative

Ministro ci vogliamo dare una mossa e chiarire il motivo e le responsabilità di questo ritardo nel rendere operativi gli incentivi previsti per le Startup Innovative?

Durante la discussione dell’Atto Camera n.1458, divenuto legge n. 99 del 2013, concernente “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 giugno 2013, n.76, recante primi interventi urgenti per la promozione dell’occupazion, in particolare giovanile, della coesione sociale, nonchè in materia di Imposta sul valore aggiunto (IVA) e altre misure finanziarie urgenti”, ho presentato un Ordine del Giorno per Impegnare il Governo ad adottare iniziative tese a velocizzare il processo di attuazione della normativa suddetta, cercando inoltre di porre l’attenzione sulla necessità di apertura di un canale di dialogo diretto e reale (vedi articolo “Startup Innovative: qualcosa si muove”).

L’ordine del Giorno è stato accolto come raccomandazione dal Governo.

Governo, mi raccomando, si ricordi della raccomandazione!

Ma tanto che te lo dico a fare?

Conoscendo le reali volontà di questo Governo, ho preferito ricordare e rispolverare gli impegni presi e il notevole ritardo che si sta accumulando con una Interrogazione Parlamentare in Commissione.

Interrogazione a risposta in commissione 5-01473

Giovedì 14 novembre 2013, seduta n. 118

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dello sviluppo economico.

Per sapere – premesso che:

il decreto-legge n. 179 del 2012, dopo mesi dalla sua emanazione, appare tutt’oggi privo di attuabilità in alcune sue parti di fondamentale importanza, per un reale e concreto incentivo alla nascita e allo sviluppo delle start-up innovative;
il decreto interministeriale di attuazione del bonus, da emanarsi entro la fine del 2012, ha subito un notevole ritardo nella sua emanazione, arrivando alla definizione soltanto nel giugno 2013;
come si evince da un articolo pubblicato su Il Sole-24 ore, in data 1o novembre 2013, gli incentivi a favore delle start-up innovative tardano ad arrivare, stimando in quattordici mesi il tempo che occorrerà per renderli operativi;
in data 7 agosto 2013 veniva accolto come raccomandazione un ordine del giorno presentato dal primo firmatario della presente interrogazione, l’ordine del giorno in Assemblea su pdl 9/01458/047, con il quale si impegnava il Governo ad «adottare le necessarie iniziative tese a velocizzare il processo di attuazione della normativa contenuta nel decreto-legge 179/2012, con particolare riguardo nell’individuazione delle modalità attuative delle agevolazioni spettanti alle persone fisiche e giuridiche che intendono investire nel capitale sociale di imprese “start-up innovative”» –:
se i Ministri interrogati, per quanto di propria competenza, siano a conoscenza dei fatti suddetti;
se i Ministri interrogati, per quanto di propria competenza, siano a conoscenza delle motivazioni di tale ritardo e se possano fornire ulteriori dettagli al fine di accelerare i tempi per rendere operativi gli incentivi suddetti;
quali urgenti e mirate iniziative, i Ministri interrogati intendano mettere in atto per far sì che la situazione suddetta non si protragga ulteriormente e si riesca a rendere operativo il decreto-legge n. 179 del 2012, anche per quanto riguarda l’erogazione dei suddetti bonus. (5-01473)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment